Loading...

FDO – For Disruptors Only: FOOD

FDO – FOR DISRUPTORS ONLY è un circolo (vizioso) di eventi dove imprenditori, manager e cervelli che hanno qualcosa da dire si racconteranno a chi avrà voglia di ascoltarli.
E a chi è già pronto a beccarsi la creatività per contagio diretto.

Qui non cerchiamo ispirazioni, non ci raccontiamo storie. Cerchiamo visioni, e se non le troviamo ce le inventiamo da noi.

Here’s to the disruptors – Feed your head

Un progetto nato nel 2018 da un “noi”, FDO nasce infatti da un team di giovani imprenditori e manager che avevano deciso di dedicare parte del proprio tempo libero
per provare a fare qualcosa di diverso. Tutte le grandi storie partono al plurale.

Non studiamo l’innovazione o il cambiamento, ci lasciamo contaminare dall’innovazione e dal cambiamento.

Per questo motivo FDO è un percorso, un racconto, storie da ascoltare e persone da conoscere, occasioni di crescita personale e opportunità di business.

Da questo evento, toccheremo ogni volta quattro temi principali:

Shift Happens: cambiamento e sperimentazione
Save the Rebel: valorizzazione del talento ribelle
Tinker Tank: innovazione e sperimentazione
Young’s Time: in collaborazione con il Gruppo Giovani Imprenditori di Assolombarda, il ruolo dei Giovani per affrontare la disruption

Quando 17 settembre 2020
Dove LIVE Streaming da WeWork
Via San Marco, 21 Milano

Videogallery

18:30 - 18:45

Introduction to Disruption

Con Riccardo Bovetti (Partner, EY)

Riccardo Bovetti

18:45 - 19:05

Shift Happens

Andrea Galassi (Miscusi)

Andrea Galassi

19:05 - 19:25

Tinker Tank

Giada Zhang (Mulan Group)

Giada Zhang

19:25 - 19:45

Save the Rebel

Luca Travaglini (Planet Farms)

Luca Travaglini

19:45 - 20:05

Young’s Time

Il Gruppo Giovani Imprenditori di Assolombarda presenta: Chiara Rota (My Cooking Box

Chiara Rota

20:05 - 20:20

…and now, Disrupt

Chiara Bacilieri – Head of Marketing Psychology di Neosperience

Chiara Bacilieri

20:20 - 20:30

See you later

Con GianMaria Paganini (CEO & Founder, the ZEN agency)

GianMaria Paganini

Ringraziamo